4418 visitatori in 24 ore
 240 visitatori online adesso





Stampa il tuo libro



Salvatore Ferranti

Salvatore Ferranti

È proprio vero che la poesia è deliziosa, infatti la prosa migliore è piena di poesia (Virginia Woolf).

E' sempre molto difficile parlare di se stessi, anche se sono cosciente che questo potrà apparire un paradosso, visto che siamo in un sito di scrittura creativa, e siamo accomunati dalla ... (continua)


La sua poesia preferita:
Eri solo più lontana
E poi ci sei tu,
anche se non è facile
separare gli spazi
e dare finalmente un senso
ad una prolungata assenza.
Anche a me piace giocare
a rincorrere la tua ombra
per i sentieri arrotolati del centro,
quando il nero non sa mettersi...  leggi...

Salvatore Ferranti

Salvatore Ferranti
 Le sue poesie

La sua poesia preferita:
 
Eri solo più lontana (08/06/2013)

La prima poesia pubblicata:
 
Desiderio di donna (14/10/2009)

L'ultima poesia pubblicata:
 
Come un libro mezzo morto sull’ultimo ripiano (12/10/2017)

Salvatore Ferranti vi consiglia:
 Se non lo so, me lo invento (31/07/2013)
 Hai dello zucchero sulle dita (20/07/2013)
 Come un raggio di sole (30/11/2012)

La poesia più letta:
 
Mia sorella (12/02/2010, 16593 letture)

Leggi la biografia di Salvatore Ferranti!

Leggi i 6797 commenti di Salvatore Ferranti


Autore del giorno
 il giorno 01/03/2017
 il giorno 03/01/2011
 il giorno 16/08/2010
 il giorno 12/04/2010

Autore della settimana
 settimana dal 13/07/2010 al 19/07/2010.
 settimana dal 01/12/2009 al 07/12/2009.

Salvatore Ferranti
ti consiglia questi autori:
 You Don’t Know Me
India
Giorgia Spurio

Seguici su:




Ti piace come scrive poesie Salvatore Ferranti? Allora clicca su questo pulsante per condividere su Google+.

Cerca la poesia:



Salvatore Ferranti in rete:
Invia un messaggio privato a Salvatore Ferranti.


Salvatore Ferranti pubblica anche nei siti:

RimeScelte.com RimeScelte.com

ParoledelCuore.com ParoledelCuore.com

ErosPoesia.com ErosPoesia.com

DonneModerne.com DonneModerne.com

PortfolioPoetico.com PortfolioPoetico.com




Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

L'ebook del giorno

Daniele Cortis

Protagonista di "Daniele Cortis" è un deputato cattolico che si propone la costituzione di un nuovo partito (leggi...)
€ 0,49


Salvatore Ferranti

In curiose conchiglie a forma di rosa

Amore
Non c’è leggerezza in questo incanto
travestito da vecchio inciampo tradito,
paradiso infermo dalle foglie sottili e un oceano
morto tra le dita; solo quando è inutile
mi fermo a pensare a tutta l’acqua presa
per assistere agli spasmi delle lunghe ore d’attesa
davanti alle catene che resistevano in ginocchio
dietro i muri portanti del palazzi. C’era anche
chi non aveva paura delle conseguenze
e inneggiava al pianto. Un salvataggio
andato a buon fine solo perché la collina
da quella parte finiva presto e si allungava
sullo sterminio gentile di rami grigi e fossi in cima
a strade che si restringevano all’improvviso
e poi chiedevano un minuto per riconciliarsi
con il mondo dall’altra parte. Per evitare
l’incertezza del tracollo, e lasciare buona parte
degli occhi ancora socchiusi, alla disperata ricerca
di omicidi allo specchio e mirabolanti
sinfonie trattenute a fatica dalla pazienza
di direttori d’orchestra più che spavaldi.
Avresti potuto chiedere un assaggio di pena
e invece hai preferito sdraiarti all’ombra
di pacifici alveari pieni di false riprese,
in generosi pozzi alla periferia dei paesi.

Il ricordo di un tuffo dal più alto degli scogli,
quando al posto dei quadrati di cemento
c’erano ancora le colonne, e i motorini
facevano da scudo a chi sosteneva
di aver visto il peggio e intanto continuava
a credere nel potere oscuro delle grandi bocche
prive di ogni forma di simpatia verso
le borse rosa di piccole donne dipinte
che se ne andavano a passeggio lungo il corso,
fermandosi solo al richiamo di qualche bambola
ammaestrata nei sottoscala dei negozi.
Ecco, è proprio il turno che è già finito da un pezzo
e un’oscenità scarlatta che raschia nella gola
e rende innocua ogni malcelata forma di vittoria in bottiglia.
Attraversare un cortile per inventare
una nuova maniera di fare a meno degli spiriti vinti
e intanto rischiare di rientrare in case
prive di caramelle alla fragola e ossa
di ceramica a metà scala; vassoi tirati a lucido
da abbondanti signore in calzamaglia,
che sudano a parlare veloce senza mai mostrarsi.

Un silenzio che appartiene solo a chi sa
scegliere la prospettiva meno esigente
e precipita facilmente in noia, specie
a qualche ora dal tramonto. Nell’illusione
che ancora una sorgente sopravviva al movimento
inopportuno di vecchi scatoloni
sui montanti di legno delle imperfezioni
che chiami con tenerezza di notte,
quando anche il segnale più luminoso
sembra essersi perso altrove. Il verde acceso
dei miracoli di bambine nelle discese
delle chiese, dici per dissuadermi,
e il parallelo ostacolo a rimettere in moto
l’antica storia della poesia che rincuora e la pelle
stesa ai raggi nei pomeriggi senza idee.
Faccende che contano e s’imbestialiscono
alle prime avvisaglie di torpore, in un accenno
di tavola imbandita, perché c’è sempre
qualcosa da togliere di mezzo, se l’anticamera
è aperta agli ospiti e la finestrella che pensavi
deserta ha rinnovato l’invito ai passeri.
Felici di essere in tanti, forse,
o di rispettare fino in fondo
l’idea dell’aspettativa a croce,
resa innocua da gloriosi chirurghi
in preda alla mania di tagliare
e ricucire anche i più remoti dissensi.
Alla vecchia maniera per non sbagliare mai,
in curiose conchiglie a forma di rosa.

Salvatore Ferranti 01/10/2017 12:01| 72

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.


 
La bacheca della poesia:
Non ci sono messaggi in bacheca.

Amazon Prime

Link breve Condividi:


Amore
In curiose conchiglie a forma di rosa
Perché è poca cosa persino darsene pensiero
Insieme a teste di pesce e vecchie mute di serpenti di mare
Baci dall'altro mondo
Coi vetri appannati dopo le lezioni e l’aria calda sopra le risate dei deejay
Per poi dire che piove da giorni
Occhi di brace sull’odore dei motori accesi di notte nei garage
Olio nero sull’abbandono delle mie canzoni
Con l'umido che portano i fiori negli occhi dei passanti
Sotto un silenzio che non si fa mai amara pena
E a volte mi muori così tra le braccia, inutilmente
Mentre aspetto che faccia giorno un'altra volta
Come l'immagine di te, su quell'antico vaso
Niente sangue fino a domani
Tu mi vuoi bene ed io ti amo da incendiare i conventi
Non sarebbe elegante, ecco il vero guaio
Dimmelo tu, io sono morto
Perché da queste parti sai, non piove mai
E dalla bocca sputi acqua e dentifricio
E poi ricominciare a scuotere la testa per quel dito di polvere sulla cornice
Sì lo so, ma canta piano
E ascoltare l’amaro profumo di una nevicata che non viene dall’acqua
Stanca di curvare il tempo, a mezza sera
Da qualche parte, prima che la pioggia ti si asciughi dentro
A chiederti stavolta se vuoi rimanere per sempre
Senza più respiro
E magari è proprio quel che sogni
Fino a farci sanguinare come santi
La felicità che ti mancava, probabilmente
E tu a stringermi forte
Come stelle filanti su uno specchio di legno
Due versi
Ho la mano ferma, te lo giuro
Ed è così che vorrei trovarti un giorno
Tu non ti voltare e balla
A bassa frequenza
Se te ne vai
La canzone d'amore
D'amore e silenzio
T'amo ancora
Il colore nuovo
Auguri, amore mio
Insieme
Soffio d'amore
Deludente cuore
Angelo innamorato
L'oceano rosa
Le tue dita
Quel primo amore
In due
Ti soccorro
I tuoi occhi
Estasi di luce
Una goccia in una stella
Tutto l'amore del mondo
La mia amica si sposa
Il segreto della primavera
La nostra forza
Vicina e distante
Solo il cristallo
Ti aspetto
Non è tardi, credimi
D'amore
Non chiedermelo, ti prego
Quel che di rosso rimane
La mia ragazza
Scilla e Cariddi
Un'estate, di sera
Abbandono
Il bicchiere
Incontro
Desiderio di donna

Tutte le poesie





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od una poesia

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .
Inserite la vostra pubblicità su questo sito: https://adwords.google.com/cues/7505CA70FA846F4C06E88F45546C45D6.cache.png

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it